• martedì , 25 febbraio 2020
  • Politica ed economia
    TAGLIO TASSE/ Cuneo fiscale e Irpef, l’accordo coi sindacati non basta

    TAGLIO TASSE/ Cuneo fiscale e Irpef, l’accordo coi sindacati non basta

    La settimana scorsa è terminata con un confronto tra Governo-sindacati su come utilizzare le risorse destinate dalla Legge di bilancio alla riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti e con l’accenno a barlumi di una riforma tributaria che partirebbe da una revisione delle aliquote Irpef. Le due notizie vanno esaminate insieme per giungere a un giudizio sulla loro portata.
  • Industria e imprese
    A chi giovano davvero i campioni nazionali?

    A chi giovano davvero i campioni nazionali?

    L’idea della politica industriale continua a sedurre: i politici, che così pensano di dimostrare ai cittadini che hanno la situazione sotto controllo; gli imprenditori, specie quelli con qualche problema, che pensano che ci sia qualcosa da guadagnare da quello che i politici dovranno fare.
  • Industria e imprese
    Antitrust meno severo per competere sui mercati

    Antitrust meno severo per competere sui mercati

    In che senso l’Europa dovrebbe rivedere le regole della concorrenza, come richiesto dal neocommissario UE Thierry Breton nell’intervista di Beda Romano pubblicata il 17 gennaio su questo giornale? Breton cita tempi più rapidi di istruttoria e fa un generico riferimento alla sfida dl Green New Deal.
  • Industria e imprese
    Una sana politica industriale UE e il rilancio di Industria 4.0

    Una sana politica industriale UE e il rilancio di Industria 4.0

    Nell’articolo “Cinque mosse per un Mise al passo coi tempi” (Sole24Ore, 6 .12.19) il sottosegretario allo Sviluppo economico Gian Paolo Manzella propone autorevolmente di rilanciare il ruolo del suo ministero, in raccordo con altri ministeri e altri soggetti pubblici (regioni, CDP, Invitalia), per andare oltre la gestione dei numerosi tavoli di crisi aziendali.
  • Economia internazionale
    Rivale e partner, il dualismo della Cina

    Rivale e partner, il dualismo della Cina

    Un provocatorio e – come sempre – graffiante articolo di Thomas L. Friedman sul New York Times del 28 novembre segnala il timore che le tensioni diplomatico-commerciali USA-Cina, culminate lo scorso maggio nell’inserimento del gigante elettronico Huawey nella “Entity list” USA dei sorvegliati speciali in materia di sicurezza digitale e rischio di spionaggio, preparino la costruzione di un “secondo muro di Berlino digitale”.
TAGLIO TASSE/ Cuneo fiscale e Irpef, l’accordo coi sindacati non basta

TAGLIO TASSE/ Cuneo fiscale e Irpef, l’accordo coi sindacati non basta

Lascia un Commento

La settimana scorsa è terminata con un confronto tra Governo-sindacati su come utilizzare le risorse destinate dalla Legge di bilancio alla riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti e con l’accenno a barlumi di una riforma tributaria che partirebbe da una revisione delle aliquote Irpef. Le due notizie vanno esaminate insieme per giungere a un giudizio sulla loro portata.

Leggi tutto
A chi giovano davvero i campioni nazionali?

A chi giovano davvero i campioni nazionali?

Lascia un Commento

L’idea della politica industriale continua a sedurre: i politici, che così pensano di dimostrare ai cittadini che hanno la situazione sotto controllo; gli imprenditori, specie quelli con qualche problema, che pensano che ci sia qualcosa da guadagnare da quello che i politici dovranno fare.

Leggi tutto
Rivale e partner, il dualismo della Cina

Rivale e partner, il dualismo della Cina

Lascia un Commento

Un provocatorio e – come sempre – graffiante articolo di Thomas L. Friedman sul New York Times del 28 novembre segnala il timore che le tensioni diplomatico-commerciali USA-Cina, culminate lo scorso maggio nell’inserimento del gigante elettronico Huawey nella “Entity list” USA dei sorvegliati speciali in materia di sicurezza digitale e rischio di spionaggio, preparino la costruzione di un “secondo muro di Berlino digitale”.

Leggi tutto
La malafede politica

La malafede politica

Lascia un Commento

Dovrebbe essere posto un limite alla malafede, anche in politica. Visto che non sarebbe possibile censurare per disonestà intellettuale i "politici", toccherebbe alla libera informazione fornire all’opinione pubblica una valutazione oggettiva della situazione: spiegare, in modo asettico, come stanno davvero le cose, senza farsi coinvolgere dalla polemica, sarebbe il solo modo corretto per smascherare le fake news.

Leggi tutto