• martedì , 7 Febbraio 2023

Politica ed economia

Gli articoli di Politica ed economia pubblicati dai nostri soci sui giornali italiani

BCE & SPREAD/ All’Italia non resta che prepararsi alle condizionalità

BCE & SPREAD/ All’Italia non resta che prepararsi alle condizionalità

Al Consiglio della Banca centrale europea del 21 luglio prossimo si conosceranno i dettagli dello “strumento” che darà corpo allo “scudo” per evitare che Stati dell’unione monetaria, caratterizzati da un alto debito della Pubblica amministrazione, subiscano un aumento troppo rapido dello spread tale da mettere a repentaglio le proprie prospettive di crescita

Leggi tutto

Contro la stagflazione selezioniamo la spesa

Contro la stagflazione selezioniamo la spesa

Il Paese non è in recessione» ha spiegato Mario Draghi nell’ultima conferenza stampa. «Ma certamente», ha aggiunto «vi è un rallentamento della crescita». Un aumento del Prodotto interno lordo (Pil) pari al 4,7 per cento, atteso solo qualche mese fa, non è più ipotizzabile. Il governo si appresta, infatti, a correggere la previsione nel prossimo Documento di economia e finanza (Def).

Leggi tutto

Dietro Tangentopoli c’era pure lo stato imprenditore

Dietro Tangentopoli c’era pure lo stato imprenditore

Intenti a mandare in galera per finanziamento illecito dei partiti, neppure cercarono di capire il sistema che lo rendeva possibile, le aziende a partecipazioni statali e la lottizzazione. A smantellare la corruttela non furono le manette e le carcerazioni preventive, ma le privatizzazioni: non ricordo che fossero nel programma di Italia dei Valori. E ancor oggi non è infrequente trovare giustizialisti a braccetto con populisti e statalisti.

Leggi tutto

Quirinale, Cazzola propone Fornero: «Un risarcimento per le offese subite»

Quirinale, Cazzola propone Fornero: «Un risarcimento per le offese subite»

Giuliano Cazzola, politico, giornalista, imprenditore ed ex sindacalista, in un’intervista a Spraynews, chiede ai grandi elettori riformisti di omaggiare Elsa Fornero per le offese ricevute negli anni, ma allo stesso tempo sostiene come il nome che ha più possibilità di giocarsi le carte per il Colle sia quello di Giuliano Amato che potrebbe essere sostenuto anche da Silvio Berlusconi. Sulla pandemia, invece, evidenzia come sia sbagliato chiudere le attività per tutelare i no vax, ma sia più giusto segregarli.

Leggi tutto