• domenica , 19 Maggio 2024

Se la credibilità è intrappolata nel ghiaccio

QUANTO è costato a Roma il grande freddo? Due fine settimana con molti negozi chiusi e altri vuoti, una settimana a scartamento ridotto con due giorni di uffici pubblici e scuole chiusi. Un danno economico rilevante, dieci giorni in cui la macchina dell’ economia della città non ha girato. Poi c’ è il danno d’ immagine di una città che non è governata, le cui infrastrutture sono fragili e non reggono al peso dei fiocchi, guidata da un sindaco incerto, sempre a caccia di responsabilità altruie che ha lasciato nei cittadini l’ impressione di essere più impegnato a difendere la sua immagine che a far funzionare la città. Anche questo ha un costo. A Roma tra una nevicata e l’ altra passano decenni. L’ eccezionalità, la potenza e la durata inconsuete fanno capire che un disagio è inevitabile. Ma ciò non attenua la sensazione che una città come Roma non possa essere priva di difese. Non c’ è bisogno di andare lontano per fare qualche confronto: Milano o Bologna, che di neve ne hanno vista in quantità maggiori, hanno reagito con diversa efficacia né bastaa spiegarlo il fatto che lì nevica più spesso. La lezione è chiara. L’ evento eccezionale comporta difficoltà ma queste possono essere attenuate, come impatto sull’ economia cittadina, se si agisce con tempestività e lucidità, se c’ è un piano e l’ emergenza non coglie impreparati ma pronti a reagire. E se le infrastrutture materiali e immateriali, fisiche e organizzative, sono solide. Sono invece state lasciate colpevolmente andare per mancanza di risorse (o più spesso per il loro cattivo utilizzo) dimenticando che le infrastrutture non curate sono una forma di debito inespresso che si lascia anch’ esso alle generazioni che verranno. In queste ore si decide sulla candidatura olimpica: l’ augurioè che la decisione sia positiva e la città vinca la sfida, ma le notizie della disorganizzazione di una città bloccata che hanno fatto il giro del pianeta non sono un buon biglietto da visita.

Fonte: Repubblica del 14 Febbraio 2012

Articoli dell'autore

Commenti disabilitati.