• mercoledì , 24 Luglio 2024

Soccorso Fed, “stampa”600 miliardi

Crescita e mercati:Bernanke vara le nuove misure di sostegno all’ economia con il riacquisto di titoli pubblici.
Continua la corsa dell’euro, a 1,41 sul dollaro. L’Ocse:ripresa fragile.
Rispettando le attese,la Federal Reserve Usa ha ieri deciso una nuova operazione straordinaria di sostegno all’ economia per 600 miliardi: acquisterà titoli di Stato a lungo termine entro il secondo trimestre del 2001, spendendo quindi 75 miliardi al mese. L’ obiettivo della Banca centrale statunitense è di fornire nuovi stimoli monetari alla ripresa, favorendo il calo del costo del denaro e incentivando il ricorso a prestiti e mutui. Così è stato confermato il livello prossimo allo zero – tra 0 e 0,25% – dei tassi di interesse che rimarranno bassi per «un periodo prolungato di tempo». Si tratta del secondo intervento non convenzionale, di quantitative easing, della Fed in due anni: il presidente, Ben Bernanke, lo aveva preannunciato già a metà ottobre e quindi il mercato in qualche modo ne ha già in parte scontato l’ impatto con l’ indebolimento del dollaro nei confronti di euro e yen. Ieri però, dopo l’ annuncio, il biglietto verde ha ulteriormente perso terreno sulla moneta unica, che dopo aver chiuso a 1,4013 è salita a 1,4179 dollari, il massimo da gennaio. Anche lo yen si è rafforzato oscillando attorno a 79,75 sul dollaro, il livello più basso dalla seconda guerra mondiale, toccato anche nell’ aprile 1995. Le Borse europee hanno seguito Wall Street, in altalena già per i risultati delle elezioni di midterm che hanno penalizzato la presidenza Obama. Hanno chiuso tutte in calo con Piazza Affari in perdita dell’ 1,01%, Londra in discesa dello 0,15% e Francoforte dello 0,55%. Wall Street, dopo aver risposto all’ annuncio di Bernanke con un ribasso, ha virato in positivo rivelando la soddisfazione per la strategia della banca centrale. «Il ritmo della crescita economica e del mercato del lavoro è lento» ha sottolineato la Fed per spiegare la nuova immissione di liquidità, destinata a «promuovere una ripresa più forte e aiutare l’ inflazione a restare in linea». C’ è da vedere come risponderanno oggi e domani la Banca centrale europea e la Banca centrale giapponese. La Bce dovrebbe continuare a mantenere i tassi fermi senza cambiare per ora rotta. C’ è da vedere come reagirà il Giappone che ha già avvertito di non avere intenzione di «restare a guardare» mentre lo yen continua a rafforzarsi. E come reagiranno la Cina e le altre economie emergenti, come il Brasile che ieri ha annunciato di voler contrastare l’ eccessivo rafforzamento del real. «Mi batterò contro la guerra delle valute» tra Cina e Usa, ha affermato ieri il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva in vista del vertice dei capi di Stato e di governo dei Venti Paesi più ricchi del mondo a Seul. Dove si discuterà di monete ma anche di regole della finanza e di crescita a due velocità dell’ economia mondiale. Alla riunione l’ Ocse, che riunisce i Paesi industrializzati, presenterà il suo nuovo scenario di previsioni: l’ economia nell’ area crescerà quest’ anno il 2,5-3%, il 2-2,5% nel 2011 e il 2,5-3% nel 2012. In Eurolandia, in particolare, la crescita sarà più debole: 1,5-2% per il 2010 e 2011 e 1,75-2,25% per il 2012. Le eredità più pesanti della crisi, secondo il rapporto Ocse, sono i «livelli insostenibili» di deficit e debiti pubblici e la «disoccupazione che rischia di diventare di lunga durata». «La priorità per le politiche economiche è tornare alla normalità consolidando la ripresa», ha sottolineato il segretario generale dell’ organizzazione di Parigi,Ángel Gurría.

Fonte: Corriere della Sera del 4 novembre 2010

Articoli dell'autore

Commenti disabilitati.