• giovedì , 22 agosto 2019

Pensiero cinico

Pensiero cinico. La legge di stabilità ha pochi contenuti per le ragioni dette da molti ma ci garantirà una vera stabilità. Infatti, essa non è negativa nei confronti dell’economia e assicura una stabilità di governo che una legge di stabilità più aggressiva non avrebbe garantito. Infatti, se si fosse fatta una legge più incisiva con una forte riduzione del cuneo fiscale, il Governo avrebbe dovuto tagliare molta spesa pubblica e/o aumentare le tasse. In tal caso, avremmo avuto reazioni sociali marcate e, quindi, anche tensioni politiche acute. Il Governo avrebbe vacillato. I mercati avrebbero reagito negativamente. I tassi d’interesse sarebbero saliti e avremmo dovuto fare un’altra manovra.
Invece, con una legge di stabilità come l’attuale, è difficile che ci siano vere rivolte sociali e politiche. Il governo sarà stabile, i mercati lo premieranno e avremo una riduzione dei tassi d’interesse che favorirà il controllo del disavanzo pubblico. Certo, c’è sempre chi chiederà una riduzione del cuneo fiscale da finanziare attraverso la lotta all’evasione fiscale e/o i tagli degli sprechi. Ma questa è solo propaganda che non ha basi, perché la lotta all’evasione è un obbligo del paese e non può essere una fonte di finanziamento della spesa pubblica (o della riduzione delle tasse) almeno fin tanto che non sia stata realizzata. Mentre gli sprechi della spesa pubblica sono sempre quelli degli altri e mai i propri.

 
Fonte: InPiu' del 17 ottobre 2013

Articoli dell'autore

Commenti disabilitati.